Russia: il processo alle Pussy Riot e il “sistema totalitario” di Putin

Redazione 10 agosto 2012 4
Share:
Condividi
Print Friendly

di Miriam Elder – 10 agosto  2012

Tre appartenenti alla banda punk femminista Pussy Riot [Rivolta della gnocca] hanno affermato che era la Russia di Vladimir Putin ad essere sotto processo, quando hanno esposto le argomentazioni conclusive mercoledì, in un caso considerato una verifica cruciale del desiderio del potente presidente di operare un giro di vite sul dissenso.

“Questo è un processo dell’intero sistema governativo della Russia cui piace mostrare così la sua brutalità nei confronti dell’individuo, la sua indifferenza al suo onore e alla sua dignità,” ha detto in una dichiarazione appassionata la ventiduenne Nadezhda Tolokonnikova, una del trio sotto processo. “Se questo sistema politico si scaglia contro tre ragazze … dimostra che questo sistema politico ha paura della verità.”

La giudice ha fissato nel 17 agosto la data in cui emetterà il verdetto contro le donne, accusate di vandalismo motivato da odio religioso dopo un’esibizione anti-Putin in una cattedrale di Mosca.

L’accusa ha chiesto una condanna a tre anni, sostenendo che le donne hanno cercato di insultare l’intera ortodossia russa e negando che stessero attuando una protesta politica.

La Tolokonnikova ha definito le accuse contro di loro un “ordine politico di repressione” e ha denunciato il “sistema totalitario-autoritario” di Putin, insistendo nell’affermare che le Pussy Riot erano un esempio di “arte d’opposizione”.

“Anche se siamo dietro le sbarre, siamo più libere di quella gente,” ha detto, guardando l’accusa dall’interno della gabbia di vetro in cui lei e le sue compagne del gruppo, Maria Alyokhina e Elaterina Samutsevich, hanno trascorso i nove giorni del processo. “Noi possiamo dire quel che vogliamo, mentre loro possono dire solo quello che permette la censura politica.”

“Forse pensano che non sarebbe sbagliato processarci per aver parlato contro Putin e il suo sistema, ma non possono dirlo, perché è proibito”, ha affermato, indossando una T-Shirt con decorata con la scritta rivoluzionaria “No Pasaran”.

Esprimendo il loro caso come parte della lunga sofferenza dei prigionieri politici nel paese, le tre donne hanno sollecitato i russi a rifiutare il sistema di Putin e ad abbracciare la libertà.

La Alyokhina, ventiquattrenne, ha paragonato il processo alla persecuzione di Joseph Brodsky da parte dell’Unione Sovietica, quando il giovane poeta fu accusato di essere un “parassita sociale”, diventando una cause celebre globale che evidenziava il farsesco controllo del governo sulla cultura.

“Non siamo colpevoli. Il mondo intero ne parla”, ha detto la Alyokhina, ore dopo che Madonna è divenuta la più recente, e maggiore, star a venire in difesa delle donne.

“Non ho paura di voi”, ha detto alla corte la Alyokhina. “Non ho paura delle menzogne e della finzione, o dell’inganno mal congegnato che è il verdetto di questo cosiddetto tribunale. Perché le mie parole vivranno, grazie alla franchezza.”

“Quando migliaia di persone leggeranno e vedranno questo, questa libertà crescerà con ogni persona generosa che ci ascolterà in questo paese.”

I legali delle Pussy Riot si aspettano un verdetto di colpevolezza e una condanna a tre anni, ma hanno affermato che ciò è messo in discussione dal fatto che la giudice abbia rimandato la sua decisione. L’avvocato Nikolai Polozov ha affermato che la crescente attenzione internazionale, compresi recenti messaggi di sostegno del tipo di quelli di Madonna e di Yoko Ono, hanno avuto il loro effetto. “Prendere una decisione rapida sotto tale pressione è molto pericoloso per le autorità, perciò si sono prese una pausa,” ha dichiarato al Guardian. “Indipendentemente da quale sarà il verdetto, noi abbiamo vinto”, ha aggiunto.

Ciascuna donna ha concluso la sua dichiarazione finale ricevendo un caloroso applauso dai giornalisti presenti nell’aula.

 

Da Z Net – Lo spirito della resistenza è vivo

www.znetitaly.org

Fonte: http://www.zcommunications.org/pussy-riot-trial-closing-statement-denounces-putins-totalitarian-system-by-miriam-elder

Originale: guardian.co.uk

 

traduzione di Giuseppe Volpe

Traduzione © 2012 ZNET Italy – Licenza Creative Commons CC BY-NC-SA 3.0

 

Comments

comments

Powered by Facebook Comments

4 Commenti »

  1. giovanni 10 agosto 2012 alle 19:28 - Reply

    il Guardian, il giornale di regime del criminale contro l’umanità Tony Blair, parla di totalitarismo putiniano. Quando si nasce senza vergogna, questo ed altro…

  2. Attilio Cotroneo 11 agosto 2012 alle 01:57 - Reply

    La difesa di questo diritto così palesemente violato e taciuto è la differenza tra una coscienza libera e una, nella migliore delle ipotesi Indifferente.

  3. giuseppe 12 agosto 2012 alle 11:01 - Reply

    Il Guardian merita senz’altro delle critiche per l’appoggio dato a Blair da premier e, a quanto pare, al “ritorno del re” (vedi, su questo sito, http://znetitaly.altervista.org/art/6781).
    Tuttavia qui la notizia, cui hanno dato risalto le fonte più diverse, è un’altra.
    E, fermo che si possa sospettare che le ragazze incriminate possano essere forse più furbe che martiri, contando sul clamore mediatico della loro ‘trasgressione’, il regime putiniano non ci fa davvero una bella figura, per dire il minimo.

  4. fabiosallustro 13 agosto 2012 alle 08:21 - Reply

    Anche io tendenzialmente distinguerei diversi piani all’interno di questo discorso.

    Il Guardian da un lato e Putin e la sua reazione alle Pussy Riot dall’altro.

    Il Guardian, che per quanto mi riguarda ha avuto dei meriti passati (ancora apprezzo non poco diversi articoli di Pilger), con il suo approccio attuale (basta vedere le ultime polemiche relative a wikileaks) mi ricorda troppo da vicino giornali come Repubblica.
    Detto questo devo ammettere onestamente di non conoscere tutti i demeriti e meriti di tale quotidiano britannico.

    E Putin che in questa situazione ha mostrato di NON saper gestire il problema.
    O forse ha mostrato di saperlo gestire ma a me non piace il suo operato nello specifico.
    La possibile non affidabilità del Guardian non rende meno criticabile (IMHO) la posizione di Putin in merito.

    Infine per quanto mi riguarda si potrebbe anche discutere del fatto che, si, con le Pussy Riot giornali apparentemente democratici si siano sfregati le mani di gioia all’idea di poter dare adosso allo “zar russo”.

    Ma questa è la sgradevole abitudine della stampa “main stream”.
    Siamo noi tutti a doverla controllare.

Lascia un commento »

*
Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers: