Il vostro uomo nella galleria del pubblico: audizione di Assange, giorno 19

This entry is part 20 of 23 in the series Processo Assange UK
Print Friendly

 

di Craig Murray – 29 settembre 2020

Oggi per la difesa è stato il giorno peggiore dall’inizio del processo poiché i suoi testimoni esperti non sono riusciti a far fronte alla vera e propria aggressione del controinterrogatorio del governo statunitense e si sono trovati a indietreggiare dal sostenere affermazioni che sapevano vere. E’ stato uno spettacolo spiacevole.

Non è stato che l’accusa avesse in qualche modo cambiato le sue tecniche sistematiche di denigrazione e vessazione; in realtà il preciso paradigma dell’accusa è stato seguito ancora una volta. Funziona così.

  1. minare le credenziali accademiche in quanto non precisamente rilevanti
  2. umiliare mediante ripetute domande di verifica del ricordo di formulazioni precise di norme o definizioni oscure
  3. denigrare la rilevanza dell’esperienza pratica
  4. ripetere posizioni ufficiali e sfidare il testimone ad affermare che siano espresse da determinati dirigenti in malafede
  5. umiliare chiedendo al testimone di ripetere a memoria norme per le testimonianze da esperti nei tribunali britannici
  6. passare in rassegna una lista di qualifiche e posizioni governative rilevanti per il tema e far dire al testimone una per una di non averle detenute
  7. affermare che la testimonianza è prevenuta o priva di valore perché non include affermazioni governative in modo completo.

Noterete che nulla di questo ha a che fare con la verità della testimonianza concreta e sinora quasi tutti i testimoni hanno facilmente, a volte sprezzantemente, sconfitto questo metodo di attacco intellettualmente meschino. Ma oggi è stata un’altra storia. L’ironia è stata che, quando si è trattato del reale tema della testimonianza, era evidente a qualsiasi persona ragionevole che le affermazioni dell’accusa riguardo alle buone condizioni nel servizio carcerario statunitense per detenuti di alto profilo riguardo alla sicurezza nazionale sono semplicemente prive di senso. Ma è stato un giorno in cui il divorzio tra verità e procedura giudiziaria è stato ancor più chiaro del solito. Considerata l’orrenda realtà che questo processo stava mascherando, è stato un giorno duro da vivere fino in fondo.

Il primo a testimoniare in collegamento video è stato Yancey Ellis. Un avvocato con un dottorato in diritto, Ellis ha praticato per 15 anni tra cui cinque da magistrato militare nel corpo dei marine. Attualmente pratica ad Alexandria, Virginia, dove opera ora privatamente, essendo stato formalmente un difensore pubblico. In quanto tale ha molta familiarità con il Centro di Detenzione di Alexandria dove Assange sarebbe detenuto in attesa del processo. Ciò include visitare clienti in Segregazione Amministrativa (AdSeg o blocco X) dove sono detenuti prigionieri di alto profilo e di sicurezza nazionale.

Ha testimoniato che la detenzioni preprocessuale potrebbe durare molti mesi o persino anni. L’isolamento da altri detenuti è lo scopo del blocco X. I detenuti sono in celle minuscole di circa 50 piedi quadrati, cioè meno di cinque metri quadrati. Il letto è uno scaffale. Quotidianamente sono consentite solo una o due ore fuori dalla cella in una piccola area in un’ora in cui non c’è nessun altro. La seconda ora era generalmente disponibile solo nel mezzo della notte, così non era utilizzata.

L’avvocato Edward Fitzgerald per la difesa ha chiesto a Ellis se i detenuti in Segregazione Amministrativa potevano socializzare. Ellis ha risposto “non realmente”. Lo scopo dell’AdSeg era di impedirlo. Non era consentito stare fuori dalla cella contemporaneamente a un altro detenuto in AdSeg. Contrariamente alle affermazioni di Gordon Kromberg era molto difficili parlare attraverso le spesse porte d’acciaio. Occorreva urlare al massimo della propria voce solo per essere sentiti. Ellis aveva tentato di consultare i propri clienti. La comunicazione era possibile solo se poteva trovare un secondino che gli aprisse uno sportello per il cibo. Poiché i detenuti in AdSeg erano rinchiusi l’unità solitamente non era controllata da personale.

Ellis ha detto che l’AdSeg era isolamento, secondo la definizione di più di 22 ore al giorno da soli senza alcuna interazione umana. In pratica non c’era appello alle autorità giudiziarie sulle condizioni carcerarie. “I tribunali rinvieranno al carcere riguardo a compi ospita i detenuti” (il che naturalmente riflette le risposte della Baraitser alle richieste di migliorare i periodi di Assange in isolamento e dopo maltrattamenti nel carcere di Belmarsh).

Fitzgerald ha indicato che il regime di AdSeg descritto da Ellis era tale anche senza l’aggiunta di Misure Amministrative Speciali (SAM) che introducono restrizioni aggiuntive. Ellis ha confermato che nessuno dei clienti che aveva rappresentato era sottoposto a SAM. Ha confermato che avevano in effetti accesso al telefono ma solo a un servizio che consentiva loro di trasmettere “telefonate pre-registrate” a parenti. Fitzgerald ha poi chiesto come ciò era influenzato dalle SAM, ma l’avvocato James Lewis si è opposto perché Ellis aveva detto di non avere conoscenze dirette e la Baraitser ha accolto l’opposizione.

Fitzgerald ha chiesto a Lewis dell’offerta di assistenza medica e psichiatrica. Ellis ha risposto che il Centro di Detenzione di Alexandria non impiega un medico. Sono disponibili internamente alcuni di servizi di lavoro sociale e consulenza. I servizi medici erano forniti da una società privata. Ci potevano volere settimane per incontrare uno psichiatra, anche in una crisi. Richiesto circa il rischio di suicidi, Ellis ha detto che i detenuti potevano essere costretti a indossare un “abbigliamento speciale” [camicia di forza?] ed erano loro tolti i lacci delle scarpe, la cintura, eccetera.

L’avvocato James Lewis ha poi controinterrogato per il governo statunitense e penso che la cosa sia meglio riferita sotto forma di dialogo. Di nuovo, è leggermente condensato e parafrasato. Non è una trascrizione (sarebbe illegale per me redigere una trascrizione; no, non ne conosco il motivo).

Lewis: Lei ha descritto la testimonianza del viceprocuratore statunitense Gordon Kromberg “inaccurata o incompleta”. Quanti detenuti ci sono attualmente nel Centro di Detenzione di Alexandria?

Ellis: Circa trecento.

Lewis: Lei dice che ci sono da quattro a sei celli in segregazione amministrativa?

Ellis: Sì, nel blocco H.

Lewis: Le sue informazioni derivano dalle sue visite e dai detenuti?

Ellis: Sì.

Lewis: Ha intervistato il direttore?

Ellis: No.

Lewis: Ha intervistato il personale di custodia?

Ellis: No.

Lewis: Ha intervistato gli psichiatri o psicologi?

Ellis: No.

Lewis: Lei ha fornito un lato della storia. Un lato del quadro. E’ d’accordo?

Ellis: Sono d’accordo che ci sono due lati in ogni storia?

Lewis: Sceriffi statunitensi ispezionano annualmente il carcere. E’ in disaccordo?

Ellis: Non lo so.

Lewis: Kromberg dice che è stato ispezionato il 5 agosto 2019 da sceriffi degli Stati Uniti e ritenuto del tutto in regola. Che cosa dice lei?

Ellis: Va bene.

Lewis: Anche il Commonwealth della Virginia ha ispezionato il 23 luglio 2019. Non ci sono stati suicidi nell’attuale periodo di ispezione.

Ellis: Ci sono buoni precedenti quando si tratta di suicidi completati.

Lewis: Ha letto quei rapporti? Conosce i risultati di quei rapporti? Lei non sa come sono valutati i detenuti ai fini dei diversi tipi di sistemazione?

Ellis: Ho frequentemente chiesto i rapporti di valutazione in casi individuali. Non mi sono mai stati forniti.

Lewis: Lei non sa che Assange sarà posto in Segregazione Amministrativa?

Ellis: Scommetterei che lo sarà.

Lewis: Kromberg ha affermato che i detenuti in AdSeg hanno accesso a programmi loro riservati ma lei ha testimoniato diversamente. Ma lei non ha mai rappresentato detenuti federali, vero?

Ellis: All’interno del carcere non c’è differenza tra detenuti statali e federali.

Lewis: Le è stato chiesto dalla difesa di affermare che l’AdSeg è isolamento?

Ellis: No.

Lewis: C’è accesso illimitato ai propri avvocati. Ciò non è considerato nella sua definizione di isolamento.

Ellis: Non illimitato.

Lewis: I detenuti in AdSeg hanno accesso alla biblioteca?

Ellis: Raramente. Possono essere in grado di recarvisi quando sono fuori dalla cella ma solo se può essere vuota in quel momento, in modo che non incontrino nessuno.

Lewis: Lei dice che Assange sarà posto in AdSeg al piano terra. Non può saperlo.

Ellis: I detenuti di sicurezza nazionale sono tutti al piano terra. I piani superiori sono per la popolazione generale.

Lewis: I suoi clienti in AdSeg erano un rischio per la sicurezza. Sa se Assange sarà considerato tale?

Ellis: No.

Lewis: Come sa che Assange non sarà tenuto nel braccio medico?

Ellis: Ai detenuti di alto profilo non è consentito di mischiarsi con la popolazione generale.

Lewis: Ma Assange non beneficerà di una falange di avvocati che contesteranno le sue condizioni? Non pensa che la sua pubblicità e sostegno determineranno un trattamento migliore?

Ellis: Non so se l’effetto sarà quello.

 

Edward Fitzgerald ha poi riesaminato per la difesa.

 

Fitzgerald: I suoi giudizi sono basati su sue osservazioni personali?

Ellis: Sì, e sulle notizie dei miei clienti.

Fitzgerald: E perché dice che Assange sarà tenuto nel blocco H?

Ellis: E’ il modo in cui è progettato il carcere. Un detenuto in AdSeg a lungo termine non potrebbe essere tenuto in nessun altro posto.

Fitzgerald: Riguardo ai programmi per i detenuti lei afferma che non sarebbero possibili se comportassero l’incontro con un altro detenuto?

Ellis: Sì, e non ci sono programmi individuali.

 

Per la prima volta in questo processo la stessa Baraitser ha ora posto una domanda al testimone. Ha chiesto a Ellis perché pensasse che Assange non sarebbe tenuto tra la popolazione carceraria generale, come era attualmente a Belmarsh. Ellis ha detto che era perché si trattava di una figura pubblica in un caso di elevato profilo. La Baraitser ha suggerito che nel Regno Unito essere una figura di elevato profilo non determinava un trattamento differente. Ellis ha detto che stava semplicemente riferendo la prassi concreta del carcere di Alexandria in casi simili.

L’intervento della Baraitser è stato straordinario considerato che aveva ascoltato una testimonianza incontestabile del dottor Blackwood che Assange era stato posto in isolamento nel braccio medico di Belmarsh dopo che qualcuno  lo aveva ripreso in un breve video, per impedire “danni di reputazione” al carcere. Sì, adesso stava affermando che i detenuti di elevato profilo nel Regno Unito non sono allontanati dalla popolazione carceraria generale. Sembra avere un filtro mentale infallibile per bloccare informazioni scomode.

Il suo filtro meno inconscio è stato poi in evidenza quando c’è stato tempo per una rapida decisione procedurale prima del testimone successivo sulla questione della decisione del direttore del carcere su Julian Assange nel caso della lametta nella cella. Il verbale dell’udienza al riguardo arrivava a un minimo di 19 paragrafi, il giudizio stesso contenuto nel paragrafo 19. La Baraitser aveva indicato che intendeva assumere come prova solo il paragrafo 19, anche se la difesa aveva detto che l’intero documento conteneva informazioni molto utili. Mi dicono che i paragrafi da 1 a 18 includono informazioni sulla straordinaria decisione di porre Julian Assange in isolamento, mascherato da “infermeria”, compreso il fatto che la responsabile sanitaria di Belmarsh, dottoressa Daly, non aveva prodotto nemmeno uno dei rapporti medici obbligatori mensili nei suoi cinque mesi nel braccio medico.

In uno di quegli accomodamenti che trovo inspiegabili, la difesa ha accettato, senza forzare la Baraitser a prendere una decisione, che i paragrafi da 1 a 18 dovessero essere ignorati e solo il paragrafo 19 accettato come prova, nell’intesa che esso stabilisse l’esistenza della lametta e dunque giustificasse il giudizio del professor Kopelman e dimostrasse che l’accusa era stata scartata meramente perché non in tempo utile.

Il controinterrogatorio di Yancey Ellis riportato più sopra appare molto buono alla lettura ed egli ha effettivamente fornito buone risposte all’attacco dell’accusa. Ma suonato irritato e nervoso e la prestazione è stata meno convincente rispetto alla lettura. Ciò doveva diventare molto peggiore per la difesa.

Il testimone successivo è stato Joel Sickler. Ha un dottorato nell’amministrazione della giustizie e ha lavorato per quarant’anni nel campo delle condanne e del patrocinio. E’ capo di un’organizzazione chiamata Justice in Alexandria, Virginia; esperto di condizioni carcerarie e ha visitato più di 50 carceri di tutti gli Stati Uniti. La sua organizzazione presenta descrizioni al tribunale su quali istituzioni siano adatte a un detenuto. Ha testimoniato di aver compiuto dozzine di visite al Centro di Detenzione di Alexandria.

Ha testimoniato che in linea con la politica Assange sarebbe posto in AdSeg a causa del suo coinvolgimento in problemi di sicurezza nazionale e di timori che possa passare segreti ad altri detenuti. Potrebbe anche essere classificato come bisognoso di protezione da altri detenuti e da autolesioni. Avrebbe contatti da zero a molto limitati con altri detenuti. Sickler ha definito “ridicola” l’affermazione di Kromberg che i detenuti possano comunicare tra loro attraverso le porte d’acciaio e le spesse finestre di plexiglass. Se in aggiunta fossero applicate SAM ciò comporterebbe isolamento.

Sickler ha detto che la sua conoscenza delle condizioni post-detenzione all’ADX Florence in Colorado derivavano in larga misura dalla lettura di rapporti. Aveva un cliente detenuto là che non era sottoposto a SAM ma era stato in effetti in isolamento per vent’anni, nonostante precedenti di buona condotta. Fitzgerald ha chiesto dell’offerta di assistenza medica e psichiatrica e Sickler ha affermato che nell’intero sistema federale aveva avuto dozzine di clienti che avevano trovato modo di commettere suicidio. Specificamente nell’ADX c’era una possibilità di essere trasferiti al centro medico federale in casi estremi.

Nell’ADX Assange sarebbe tenuto nella SSU nota come blocco H. Con o senza SAM il contatto con altri detenuti sarebbe del tutto vietato. Il contatto con il mondo esterno sarebbe straordinariamente limitato. Qualsiasi contatto permesso con la famiglia sarebbe controllato dall’FBI. Era concessa una telefonata di 15 minuti al mese. Dopo la condanna il contatto con gli avvocati era molto limitato.

Fitzgerald ha chiesto come ci si potesse appellare contro le SAM o altre condizioni carcerarie. Sickler ha replicato che appellarsi anche nel caso di questioni amministrative minori non riesce mai. Le SAM possono essere modificate solo dal Procuratore Generale. Nel sistema carcerario in generale Sickler aveva presentato migliaia di richieste sulle condizioni di detenzione e forse una dozzina aveva avuto successo. Con le SAM in effetti non c’era alcuna possibilità. L’isolamento potrebbe essere indeterminato in ADX; non c’era un limite superiore.

Fitzgerald ha chiesto dei cambiamenti nel carcere dopo l’introduzione della Mitigazione Cunningham. Sickler ha detto che i cambiamenti erano stati nominali. Qualsiasi miglioramento reale aveva riguardato solo i detenuti di livello inferiore di sicurezza. Riguardo alle condizioni carcerarie in generale “le dichiarazioni ufficiali, i pronunciamenti pubblici sono una cosa, la realtà in carcere è un’altra”. L’affidavit del dottor Alison Leukefeld per il governo appariva grande sulla carta ma non lo era nella pratica. D’altro canto rapporti di organizzazioni quali il Progetto Marshall corrispondevano esattamente alla sua esperienza pratica. Le statistiche ufficiali, come solo il 3 per cento dei detenuti federali che soffre di problemi di salute mentale “non mi suonano vere”. C’era un rischio considerevole che Assange riceva un’assistenza medica fisica e mentale adeguata.

Clair Dobbin si è poi alzata a controinterrogare. Di nuovo lo riferirò sotto forma di dialogo.

Dobbin: Che cosa fa concretamente? Lavora per la difesa in cause?

Sickler: Sì, contribuisco a identificare l’istituzione appropriata per l’incarcerazione e aiuto i clienti a muoversi nel sistema carcerario.

Dobbin: Dunque patrocinio del detenuto?

Sickler: Sì.

Dobbin: Dunque lei si reca nelle carceri solo per visitare i suoi rappresentati?

Sickler: Sì.

Dobbin: Dunque lei non è un ispettore carcerario?

Sickler: No, non lo sono.

Dobbin: Dunque lei non è un accademico?

Sickler: No, non lo sono.

Dobbin: Dunque lei non è uno psichiatra?

Sickler: No, non lo sono.

Dobbin: Dunque lei non è un ricercatore?

Sickler: No, non lo sono.

Dobbin: Dunque lei non è un medico? Non ottiene la visione di documenti medici?

Sickler: No, non lo sono. Ma ho un consulente medico. Esamino i rapporti medici e comincio a condurre rapporti su base quotidiana.

Dobbin: Ma non ha accesso a tutto campo? Solo riguardo ai suoi clienti?

Sickler: Esatto.

Dobbin: Ma lei non è un clinico. Non ha l’autorità di convalidare opinioni mediche?

Sickler: No, ma impiego un consulente medico.

Dobbin: Questo consulente è uno psichiatra clinico?

Sickler: No.

Dobbin: Ha rappresentato qualcuno sottoposto a SAM?

Sickler: No. A procedure di tipo SAM, ma non le SAM che possono essere ordinate solo dal procuratore generale.

Dobbin: Ma lei ha detto chiaramente nel suo affidavit di avere clienti SAM. L’ha detto perché vuole dare l’impressione di avere una competenza superiore a quella che ha?

Sickler: Naturalmente no.

Dobbin: Lei non è mai stato nell’area AdSeg del Centro di Detenzione di Alexandria. Dunque su che cosa si basa la sua opinione?

Sickler: Informazioni fornitemi da numerose terze parti, compresi miei clienti, altri avvocati e il difensore pubblico.

Dobbin: Ma non pensa che fosse importante chiarire nella sua dichiarazione che si tratta di sentito dire?

Sickler: Non ho ritenuto così importante la distinzione.

Dobbin: Ha visto le norme che regolano la testimonianza di esperti in quest’aula?

Sickler: Sì. Non ho ritenuto che fosse contro le regole.

Dobbin: Lei ha visto la dichiarazione di Kromberg. Accetta che ci siano motivi legittimi per cui Assange sia in AdSeg?

Sickler: Assolutamente.

Dobbin: I detenuti in custodia protettiva ricevono tutti gli stessi servizi e diritti degli altri detenuti?

Sickler: Naturalmente.

Dobbin: E’ d’accordo che sarebbe in grado di partecipare a programmi con altri detenuti?

Sickler: No, se sotto SAM.

Dobbin: E’ d’accordo che quelli in custodia protettiva possano incontrare altri detenuti?

Sickler: Certamente.

Dobbin: E’ d’accordo che non ci siano restrizioni all’accesso ad avvocati?

Sickler: Assolutamente. C’è un diritto costituzionale.

Dobbin: E’ d’accordo che le SAM possono essere imposte solo dal Procuratore Generale?

Sickler: Sì.

Dobbin: Qual è la procedura per questo?

Sickler: Comporta la consultazione di agenzie dei servizi d’informazione.

Dobbin: Occorre la certificazione di uno dei capi di una delle agenzie della sicurezza che il detenuto è una minaccia agli Stati Uniti?

Sickler: Sì.

Dobbin: Non può sapere che Assange sarà sottoposto a SAM. E le SAM differiscono da persona a persona.

Sickler: Sì, corretto.

Dobbin: Nel caso del terrorista condannato El-Haj lui era sotto SAM ma gli era tuttavia consentito l’accesso alla famiglia.

Sickler: Sì, i suoi famigliari immediati.

Dobbin: I provvedimenti dipendono dal singolo detenuto?

Sickler: Sì.

Dobbin: Il giudice che aveva condannato [un altro detenuto, non sentito chiaramente] è entrato personalmente nel MMC per controllare le condizioni del carcere. Questo non dimostra che c’è una buona supervisione giudiziaria?

Sickler: L’ho costatato, in rare occasioni.

Dobbin: Le SAM non limitano l’accesso agli avvocati.

Sickler: Come si accede agli avvocati nell’ADX Florida? E prima del processo ci sono difficoltà di prenotazione. Se è sotto SAM il suo legale sarà egli stesso sottoposto a sorveglianza.

Dobbin: Quali prove ha di questo?

Sickler: Il caso Lynne Stewart. Lindsay Lewis.

Dobbin: Lynne Stewart stava gestendo un messaggio per jihadisti (l’avvocato ha aggiunto molti presunti dettagli). Il suo cliente era sottoposto a SAM per impedirgli di gestire un’organizzazione terroristica.

Sickler: Il caso, come altri, ha avuto un effetto agghiacciante sulla disponibilità di avvocati ad assumere casi SAM che riguardino la sicurezza nazionale.

Dobbin: Il Centro di Detenzione di Alexandria non è sovraffollato.

Sickler: No, è al di sotto della sua ricettività. E’ un carcere gestito bene. Il personale è molto professionale.

Dobbin: Kromberg riferisce livelli di personale medico molto considerevoli.

Sickler: Mi risulta che si tratta prevalentemente di appaltatori privati, non di personale del carcere. In pratica i bisogni dei detenuti non sono soddisfatti in misura significativa. Ci vogliono da alcuni giorni ad alcune settimane per ricevere cure.

Dobbin: Ma ricevono cure sufficienti?

Sickler: Non c’è alcun intervento psichiatrico reale. Non è il massimo livello. Solitamente i detenuti sono solo medicati.

Dobbin: Dunque hanno accesso alle medicazioni? E a qualcuno con cui parlare?

Sickler: Corretto.

Dobbin: La sua testimonianza riferisce un solo suicidio, al Centro Correzionale Metropolitano.

Sickler: Quello è solo un esempio, uno dei miei casi attuali.

Dobbin: Ma due agenti del carcere sono stati accusati di ciò.

Sickler: Siamo sempre rapidi nell’incolpare i piccoli.

Dobbin: Non erano i protocolli a essere sbagliati; solo due persone che non hanno fatto il loro lavoro. [Questo è forse il caso di Epstein]. L’ADC ha buoni precedenti circa i suicidi.

Sickler: In AdSeg c’è un sistema molto arduo, quasi tortuoso di isolamento.  Assange soffre di depressione ed è nello spettro dell’autismo. Sarebbe insopportabile per lui. Persino nel caso di miei clienti sani c’è stato un terrificante deterioramento in queste condizioni.

Dobbin: L’evidenza è che riescono a impedire i suicidi presso l’ADC.

Sickler: Sì, hanno un dato stellare.

Dobbin:  Nel caso Babar Ahmad (2012) la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo ha preso in considerazione le SAM e ha stabilito che non era un regime inaccettabile. E’ cambiato qualcosa dal 2012?

Sickler: Non significativamente.

Dobbin: Lei ha detto inizialmente nel suo rapporto che Assange potrebbe non essere inviato all’ADX. Ora cambia parere. La sentenza è a discrezione del giudice. Non ci sono basi per il suo rapporto.

Sickler: Ho cambiato parere nel periodo intercorrente. Dal secondo atto d’accusa sostitutivo l’accusa è ora di spionaggio e il governo afferma che Assange è una continua minaccia per gli Stati Uniti.

Dobbin: Lei è stato consulente nel caso di Reality Winner. Lei ha avuto solo 53 mesi.

Sickler: Era un genere di imputato qualitativamente differente.

Dobbin: Era un’addetta ai lavori. Normalmente subiscono condanne più dure. Sta scontando la sua condanna in una struttura medica.

Sickler: Non per motivi medici. E’ la struttura carceraria federale più prossima alla sua famiglia.

Dobbin: Lei afferma che Assange sarebbe in isolamento. Ma Kromberg afferma che la maggior parte dei detenuti in accoglienza speciale sono in celle doppie con un compagno.

Sickler: Può essere peggio. Molti sono violenti e mentalmente malati. Le aggressioni di compagni di cella sono frequenti.

 

E’ poi seguito uno scambio di battute in cui la Dobbin ha cercato di far inciampare Sickler sulle procedure per internare qualcuno nell’ADX Florida, ma egli si è dimostrato esperto in dettaglio.

 

Dobbin: Le procedure affermano che  i detenuti con problemi di salute non saranno inviati all’ADX a meno che non ci siano gravi motivi di sicurezza.

Sickler: Amu Hamza sta là ed è privo di entrambe le braccia.

Dobbin: Ci sono solo 14 persone nell’ADX in questa categoria. Lei non è stato là. Come ottiene le sue informazioni?

Sickler: Rapporti, tra cui del Centro Lowenstein e del Centro per i Diritti Costituzionali.

Dobbin: I detenuti nell’ADX in realtà ricevono visite di famigliari.

Sickler: Quanto spesso il signor Assange riceverebbe visite di famigliari? Perché non lo dice alla corte?

Dobbin: [nome non udito], un terrorista condannato che ha tentato di far saltare in aria un aereo è nell’ADX e riceve visite e telefonate di famigliari.

Sickler: Gli sono consentite comunicazioni con due determinati membri della famiglia. Ma quanto spesso gli è consentito chiamarli o vederli?

Dobbin: Lei ha detto che l’isolamento nell’ADX può essere indeterminato?

Sickler: Quella è la mia impressione.

Dobbin: Qual è la sua fonte di informazioni?

Sickler: Detenuti e avvocati. E’ aneddotica, lo ammetto. Ma lei sta dicendo che a un certo punto il governo degli Stati Uniti deciderà che Assange probabilmente non divulgherà informazioni classificate?

Dobbin: Lei sa che ci sono tre livelli nel blocco H che i detenuti possono attraversare per uscire?

Sickler: No.

Dobbin: Sapeva che persino i detenuti sotto SAM possono mischiarsi tra loro per periodi sociali?

Sickler: No, non lo sapevo.

Dobbin: (Cita il giudizio dell’ECHR che avalla il programma di uscita).

Sickler: Devono mancare due anni dal rilascio. Se si è designati dal Procuratore Generale per le SAM, non si ha titolo a tale programma. Le condizioni nell’ADX sono straordinariamente dure.

Dobbin: Kromberg descrive le fasi e dice che la fase 3 consente contatti con altri detenuti.

 

 

  1. Programma dell’Unità di Sicurezza Speciale (SSU)
  2. Il Programma dell’Unità di Sicurezza Speciale è ideato per detenuti che sono sottoposti a SAM, che sono restrizioni alle comunicazioni imposte dal Procuratore Generale. Si veda 28 C.F.R. paragrafi 501.2, 501.3. I detenuti con SAM sono posti nell’Unità di Sicurezza Speciale (Unità H). Come dettagliato nella mia Prima Dichiarazione, righe 95-99, una SAM può essere imposta per prevenire la rivelazione di informazioni classificate che porrebbero una minaccia alla sicurezza nazione se rivelate o per proteggere da atti di terrorismo o violenza. Una SAM può includere porre un detenuto in detenzione amministrativa e nel limitare visite sociali, privilegi postali, chiamate telefoniche e accesso ad altri detenuti e ai media. I detenuti ospitati nella SSU sono esaminati annualmente dal Procuratore Generale per stabilire se lo status SAM debba essere rinnovato o modificato. La revisione del Procuratore Generale include una valutazione delle informazioni fornite dall’ufficio del procuratore degli Stati Uniti procedente e dai dirigenti delle forze federali dell’ordine.
  3. I detenuti incarcerati nell’unità H hanno l’opportunità di partecipare a un Programma dell’Unità di Sicurezza Speciale in tre fasi (SSU Program) ideato in modo speciale per i detenuti sotto SAM. Lo scopo del Programma SSU è confinare i detenuti sotto SAM sotto controlli rigorosi, offrendo loro contemporaneamente occasioni per dimostrare un comportamento progressivamente responsabile e per partecipare a programmi in un contesto sicuro e controllato. Il Programma SSU equilibra gli interessi di offrire ai detenuti occasioni di programmazione e accresciuti privilegi con gli interessi di garantire la sicurezza istituzionale e nazionale. Il successo della partecipazione del detenuto al Programma SSU fornisce informazioni che possono essere tenute in considerazione nel valutare se le SAM continuino a essere necessarie o se le comunicazioni del detenuto possano essere controllate in un modo che non comprometta gli interessi della sicurezza nazionale o istituzionale.
  4. I detenuti ospitati nella SSU ricevono un minimo di dieci ore alla settimana di esercizi fuori dalla cella. In generale i detenuti si ricreano individualmente in aree di ricreazione singole sicure. I detenuti consumano i pasti nelle loro celle. I detenuti ricevono fino a quattro telefonate sociali mensili e possono ricevere fino a cinque visite sociali.
  • Fase 1. Durante la fase iniziale del programma a un detenuto possono essere concesse due telefonate non a legali al mese, accesso a una lista dello spaccio e ad articoli per attività artistiche o hobbistiche e la scorta alla doccia nel braccio del detenuto – l’area comune fuori dalla cella – tre volte alla settimana.
  • Fase 2. In base all’adattamento del detenuto egli può passare alla Fase 2 dopo circa 12 mesi. Nella fase 2 del programma al detenuto possono essere permesse tre telefonate non a legali al mese e l’accesso a una lista ampliata dello spaccio e a ulteriori articoli per attività artistiche o hobbistiche. Al detenuto è consentito di star fuori dalla cella senza scorta cinque volte la settimana.
  • Fase 3. L’inserimento nella fase 3 solitamente richiede una modifica delle SAM per consentire ai detenuti di avere contatti fisici tra loro. Ai detenuti nella fase 3 è permesso di star fuori nel braccio insieme in gruppi di fino a quattro persone. Un detenuto nella fase 3 conquista la capacità di essere in contatto fisico con altri detenuti nell’area del braccio fuori dalla sua cella sette giorni la settimana. I detenuti nella fase 3 trascorrono un’ora e mezzo al giorno con fino a tre altri detenuti, nessuno dei quali scortato da personale del carcere. I detenuti nella fase 3 consumano un pasto insieme e si dedicano ad attività ricreative tra cui guardare la televisione, leggere e giocare a carte. I detenuti nella fase 3 possono fare la doccia ogni volta che sono nel braccio. Inoltre, i detenuti nella fase 3 continuano ad avere accesso alla lista ampliata di materiale artistico e hobbistico e a una lista ulteriormente ampliata dello spaccio.

 

Sickler: Suona terribile. Persino quando si raggiunge la fase 3 con i privilegi extra. Se lo fanno in pratico, beh è splendido. E tuttavia a me suona terribile.

Dobbin: C’è una progressione.

Sickler: Mi piacerebbe sapere quanto ci voglia.

Dobbin: Conosce il numero dei rilasciati dall’ADX? Non dovrebbe conoscere questi fatti?

Sickler: Il luogo è tormentoso. Questo è fuori dubbio.

Dobbin: Quanti detenuti sono trattati dipenderà da quanto grave sia il rischio che costituiscono.

Sickler: Precisamente.

Dobbin: L’assistenza medica nell’ADX non è influenzata dalle SAM.

Sickler: OK.

Dobbin: E’ d’accordo che in conseguenza dell’Accordo Cunningham ci sia stato un considerevole miglioramento?

Sickler: Non sono in grado di dirlo.

Dobbin: Gordon Kromberg testimonia che l’ADX Colorado ha più misure di salute mentale per detenuto di ogni altro carcere federale.

Sickler: E’ necessario a causa delle condizioni estreme in cui sono tenute le persone.

Dobbin: Questo non le indica che lo standard dell’assistenza è buono?

Sickler: C’è un’interazione significativa tra paziente e clinico? Non lo so.

Dobbin: L’Accordo Cunningham ha determinato il rilascio di più di cento persone dall’ADX.

Sickler: Ma quante erano sottoposte a SAM?

Dobbin: Abbiamo stabilito che lei non sa nulla del movimento in uscita delle persone con SAM.

Sickler: Sì, lei ha stabilito questo.

Dobbin: In conseguenza della Mitigazione Cunningham sono state create due nuove istituzioni mentali.

Sickler: Sì, per schizofrenia e psicosi.

Dobbin: Un rapporto dell’Amministrazione Penitenziaria del 2014 mostra che alcuni detenuti non vogliono mai lasciare l’ADX perché trovano che lo standard delle cure sia buono. Commettono nuovi reati per rientrarvi.

Sickler: Scelgono apposta quelli con cui parlare. La maggior parte dei detenuti vuole disperatamente uscire.

Dobbin: Ogni rapporto riceve una risposta ufficiale dall’Ufficio delle Carceri e le politiche sono costantemente aggiornate.

Sickler: Sì, ma in pratica non si vedono semplicemente risultati. Ho avuto recentemente un cliente, un detenuto, che anziché essere curato è stato picchiato e gettato nudo nel buco. Ci sono voluti mesi prima che un tribunale lo facesse uscire. A un altro sono stati rifiutati i suoi farmaci diagnosticati e prescritti perché non nel ricettario dell’Ufficio delle Carceri.

Dobbin: Nel primo caso c’è stata una revisione giudiziaria. Dunque il sistema funziona.

Sickler: Dopo sei mesi.

 

C’è stato altro di questo. Il controinterrogatorio è durato due ore e mezza. Di nuovo pare più convincente dallo Sickler scritto che dal vivo, dove egli è apparso scosso dall’aggressione. Le sue risposte che suonano come ferme, sono suonate scontrose e buttate lì quando le ha fornite. Ha dato l’impressione che ritenesse valesse la pena di impegnarsi con l’irragionevole Dobbin e, anche se simpatizzo di cuore, non era questo che il momento richiedeva.

Sickler ha dato decisamente l’impressione di essere a volte d’accordo con l’accusa solo perché quella era la linea di comportamento più facile. Lo ha fatto spesso con una voce che suggeriva scetticismo, sarcasmo o irrisione, ma ciò non era chiaro nelle sue parole e non risulterà evidente nella trascrizione. Nella vita normale formulare brevi risposte sarcastiche del tipo “Oh, sì, è meraviglioso” in reazione ad affermazioni risibili dell’accusa riguardo alla disposizione di carceri statunitensi di super massima sicurezza ma funzionare come una forma di derisione; in un contesto giudiziario non funziona per nulla. Per essere giusti con il signor Sickler essere a casa anziché concretamente in un’udienza in aula spiegherà in parte la cosa. Ma il verbale del tribunale dirà che Sickler afferma che il trattamento dei detenuti in carceri statunitensi di super massima sicurezza è meraviglioso. Non nota il sarcasmo.

La Dobbin è importuna oltre il livello di offensività; si presenta come assolutamente detestabile come persona.

La sgradevole ironia in tutto questo è che sia Sickler sia Ellis sono stati derisi e scherniti per la loro mancanza di conoscenza dell’ADX Colorado, quando accusa e giudice si erano messi insieme solo venerdì per vietare due testimoni che la difesa voleva deponessero e che avevano un’esperienza personale dell’ADX Florence. Questo è un altro esempio impressionante del fatto che questo processo è separato da qualsiasi tentativo genuino di trovare verità o giustizia.

 

Scusatemi se segnalo che la mia capacità di fornire questa copertura dipende interamente dalle vostre gentili sottoscrizioni volontarie che mantengono attivo questo blog. […]

Diversamente dai nostri avversari, tra cui Integrity Initiative, la 77th Brigade, Bellingcat, l’Atlantic Council e centinaia di altre attività di propaganda guerrafondaia, questo blog non ha fonti di alcun genere di finanziamento statale, industriale o istituzionale. Opera interamente mediante sottoscrizioni volontarie dei suoi lettori, molti dei quali non necessariamente concordano con ogni articolo, ma apprezzano voci, informazioni dall’interno e dibattiti alternativi.

Abbonamenti per mantenere attivo questo blog sono ricevuti con gratitudine.

Da Znetitaly – Lo spirito della resistenza è vivo

www.znetitaly.org

Originale: https://www.craigmurray.org.uk/

Traduzione di Giuseppe Volpe

Traduzione © 2020 ZNET Italy – Licenza Creative Commons CC BY-NC-SA 3.

 

Navigazione della serie<< Il vostro uomo nella galleria del pubblico: audizione di Assange, giorno 18Il vostro uomo nella galleria del pubblico: audizione di Assange, giorno 20 >>

Comments

comments

Powered by Facebook Comments

Precedente Il FMI si impossessa della pandemia per aprire la via alle privatizzazioni in 81 paesi Successivo I boliviani riportano al potere il partito di Evo Morales un anno dopo il colpo di stato applaudito dagli Stati Uniti