Trump e l’attacco degli anarchici invisibili

Print Friendly

di Paul Krugman – 5 settembre 2020

Giovedì mattina ho passeggiato avanti e indietro in gran parte di Manhattan. (Perché tutti gli uffici dei medici sono sulla East Side?) Era una splendida giornata e la città appariva allegra: i negozi erano aperti, le persone bevevano caffè nei posti a sedere sui marciapiedi che sono proliferati durante la pandemia, Central Park era pieno di jogger e ciclisti.

Ma devo essermi immaginato tutto questo, perché Donald Trump mi assicura che New York è assalita da “anarchia, violenza e distruzione”.

Con ancora solo due mesi rimasti di campagna presidenziale, Trump ha evidentemente deciso non può più né basarsi sui suoi risultati né attaccare efficacemente Joe Biden. Si candida, invece, contro anarchici che, insiste, dominano segretamente il Partito Democratico e stanno seminando devastazioni nelle città statunitensi.

Non c’è molto da dire riguardo alle affermazioni di Trump che persone “nelle ombre oscure” controllino Biden e che misteriosi personaggi vestiti di nero siano minacciando Repubblicani, salvo che non molto tempo fa sarebbe stato inconcepibile per qualsiasi politico di un grande partito dedicarsi a questo genere di teorizzazioni cospirazioniste.

C’è un po’ più da dire riguardo alle sue affermazioni di violenze e distruzioni rampanti in “giurisdizioni anarchiche”, e cioè che tali affermazioni hanno scarsa somiglianza con la realtà prevalentemente pacifica.

Ma gli anarchici invisibili sono tutto ciò che è rimasto a Trump. Per comprendere il perché, parliamo dei problemi reali: la pandemia e l’economia.

Alcuni mesi fa la campagna di Trump sperava chiaramente di potersi lasciar dietro il coronavirus. Ma il virus si è rifiutato di collaborare.

Non è solo il fatto che le riaperture premature hanno determinato una seconda grossa ondata di infezioni e morti. Ugualmente importante, da un punto di vista politico, è stata la diffusione geografica del COVID-19.

All’inizio della pandemia era possibile presentare il COVID-19 come un problema di grandi città di stati Democratici; gli elettori delle aree rurali e degli stati Repubblicani trovavano più facile scartare la minaccia in parte perché era relativamente improbabile che conoscessero persone che si erano ammalate. Ma il secondo picco di infezione e morti è stato concentrato nella Sunbelt.

E anche se il picco della Sunbelt pare rientrare lentamente ora che amministratori statali e locali hanno fatto ciò che Trump non voleva facessero – chiudere bar, vietare vasti assembramenti e imporre mascherine – ora risulta esserci un picco nel Midwest.

Ciò che questo significa è che entro il giorno delle elezioni quasi tutti negli Stati Uniti conosceranno qualcuno che ha preso il virus e saprà anche che le ripetute promesse di Trump che esso stava scomparendo erano false.

Per quanto riguarda l’economia, tutte le indicazioni sono che la rapida ripresa di maggio e giugno si è livellata, con la disoccupazione tuttora molto alta. Il rapporto di venerdì sull’occupazione è probabile mostri un’economia che continua ad aggiungere posti di lavoro, ma nulla di simile alla ripresa a “super V” che Trump continua a dichiarare. E ci sarà solo un altro rapporto sul mercato del lavoro prima delle elezioni.

Inoltre la politica dell’economia dipende meno da quanto dicono i numeri ufficiali piuttosto che come si sente la gente. La fiducia dei consumatori rimane bassa. Valutazioni di aziende sondaggiate dalla Federal Reserve spaziano dall’entusiastico alla tetraggine. E semplicemente non c’è tempo sufficiente perché questo cambi molto: Trump non sarà in grado di cavalcare un boom economico alle elezioni.

Dunque ha bisogno di condurre la campagna contro quegli invisibili anarchici.

Ora, ci sono stati dei saccheggi, dei danni a proprietà e violenze associati alle dimostrazioni di Black Lives Matter. Ma i danni alle proprietà sono stati minore rispetto alle rivolte urbane del passato; no, Portland non è “continuamente in fiamme” e gran parte della violenza proviene non dalla sinistra ma da estremisti di destra.

E’ anche vero che c’è stato un recente aumento degli omicidi e nessuno è certo del perché. Ma gli assassinii erano stati molto limitati l’anno scorso e anche se la percentuale sin qui proseguirà quest’anno, New York avrà considerevolmente meno omicidi nel 2020 di quanti ne abbia avuti quando Giuliani era sindaco.

In breve, non c’è un’ondata di anarchia e violenza altra che quella scatenata dallo stesso Trump. Ma gli elettori possono essere influenzati dalle vivaci fantasie del presidente?

In realtà potrebbero. Per una qualche ragione c’è una lunga storia di disconnessione tra le realtà del crimine e le percezioni del pubblica. Come ha segnalato Pew, tra il 1993 e il 2018 i crimini violenti sono precipitati negli Stati Uniti; gli assassinii a New York sono diminuiti di più dell’80 per cento. Tuttavia in tale periodo gli statunitensi hanno costantemente dichiarato ai sondaggisti che i crimini erano in aumento.

E con i viaggi e il turismo in grave calo, cosicché le persone non possono vedere con i propri occhi la realtà di altri luoghi, può essere particolarmente facile per Trump fingere che le nostre grandi città si siano trasformate in inferni distopici.

Quello che è meno chiaro è se questa bugia aiuterà Trump anche se la gente ci crederà. “Gli Stati Uniti sono andati all’inferno sotto i miei occhi, dunque dovete rieleggermi”, non è il massimo lancio di una campagna che io riesca a immaginare.

E i sondaggi suggeriscono che la paura, in realtà, non è amica del presidente. Ad esempio, con un largo margine, gli intervistati in un sondaggio Quinnipiac hanno dichiarato che avere Trump come presidente li fa sentire meno sicuri. Le reazioni a Biden sono state molto più favorevoli.

Tuttavia aspettatevi di sentire Trump sbraitare contro questi invisibili anarchici. Sono tutto ciò che gli è rimasto.

 

Da Znetitaly – Lo spirito della resistenza è vivo

www.znetitaly.org

Fonte: https://zcomm.org/znetarticle/trump-and-the-attack-of-the-invisible-anarchists/

Originale: The New York Times

Traduzione di Giuseppe Volpe

Traduzione © 2020 ZNET Italy – Licenza Creative Commons CC BY-NC-SA 3.

Comments

comments

Powered by Facebook Comments

Precedente ESTRADIZIONE DI ASSANGE: Dopo aver acclamato la violenza contro Assange, giornalisti hanno preparato il terreno per il gulag statunitense Successivo La Finlandia si stringe attorno alla giornata lavorativa di sei ore, e lo stesso dovremmo noi