Diritto degli adolescenti a vaccinarsi contro il parere dei genitori

Print Friendly

di Jessica Sutherland – 16 marzo 2019

Mentre epidemie di morbillo continuano nel paese, i Democratici del parlamento dello stato di New York hanno creato una soluzione al problema in continuo aggravamento dei genitori non informati che causano bambini non vaccinati: lasciate scegliere ai ragazzi.

Le proposte di legge gemelle, presentate in concomitanza sia alla camera sia al senato dello stato, consentirebbero ai cittadini di New York dai quattordici anni in su di decidere se vogliono o non vogliono essere vaccinati, indipendentemente dai desideri dei loro genitori.

[Le proposte di legge] AO6564/S04244 permettono a ogni bambino/a di almeno quattordici anni di farsi somministrare, indipendentemente dal consenso dei genitori e nel rispetto delle prescrizioni scolastiche applicabili o del paragonabile livello di età, determinate immunizzazioni prescritte o raccomandate dalla legge.

Questa legislazione è una rapida e drastica reazione a quella che il New York Times definisce “la più vasta epidemia di morbillo di un decennio a New York City”. Nel momento della stesura di questo articolo Brooklyn ha documentato 100 casi, la Contea di Rockland almeno 145 e Queens registra un caso. Come altri dodici stati, quello dell’Empire State Building si trova a combattere una malattia che era quasi del tutto sradicata quasi vent’anni fa, in non piccola parte a causa di popolazioni non vaccinate.

“Siamo sull’orlo di una crisi di salute pubblica”, ha detto uno dei promotori della legge, la deputata Patricia Fahy, Democratica di Albany, citando tassi di vaccinazione inferiori a quelli raccomandanti in alcune comunità, spronati da sospetti non confermati che i vaccini causino l’autismo. “Siamo diventati compiaciuti nell’ultimo paio di decenni”.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha definito la “riluttanza ai vaccini” una delle dieci maggiori emergenze sanitarie globali nel 2019, citando un aumento globale del 30 per cento del solo morbillo. La riluttanza di vaccini, ovviamente, è qualcosa di più del solo movimento anti-vaccini, che è basato su una scienza spazzatura del tutto smontata che collega l’autismo agli sforzi di realizzare l’immunità collettiva. La proposta di New York, se approvata e promulgata in legge dal governatore Democratico Andrew Cuomo, permetterebbe agli adolescenti di prendere nelle proprie mani la loro salute e superare la cosiddetta “esenzione religiosa” che attualmente mette in pericolo altri.

(Le prescrizioni della vaccinazione) non si applicheranno ai bambini il cui genitore, genitori, o tutore coltivano genuine e sincere fedi religiose che sono contrarie alle pratiche qui prescritte e non sarà richiesto alcun certificato come prerequisito perché tali bambini siano ammessi o ricevuti a scuola o la frequentino.

Questa scappatoia è molto sfruttata dalla comunità anti-vaccini; Internet è piena di guide per mantenere a scuola i bambini della nazione senza che siano vaccinati. Anche se tutti e 50 gli stati onorano esenzioni mediche per gli immunodepressi, l’accettazione delle “esenzioni filosofiche” rende 17 stati il terreno più fertile per gli anti-vaccini; 47 stati e il Distretto della Colombia accettano solo esenzioni per obiezioni “religiose”. (California, Mississippi e West Virginia offrono solo esenzioni mediche).

Ethan Lindenberger, 18 anni, ha fatto notizia e parlato al Congresso giusto la settimana scorsa per la sua scelta di vaccinarsi contro il desiderio dei suoi genitori.  Lindenberger è dell’Ohio, uno dei 17 stati più permissivi.

Approssimandosi alle superiori Lindenberger cominciò a condurre proprie ricerche sulla materia e apprese rapidamente che non c’era alcuna prova scientifica che sostenesse le preoccupazioni di sua madre.

“Ho affrontato mia madre molte volte, cercando di spiegare che i vaccini sono sicuri e che la mia famiglia doveva essere vaccinata, avvicinandola anche con articoli della CDC [Agenzia per il controllo e la prevenzione delle malattie] che affermavano esplicitamente che l’idea che i vaccini causassero l’autismo e conseguenze estremamente pericolose era sbagliate”, ha affermato Lindenberger. In una di tali occasioni ha detto che sua madre reagì dicendo: “Questo è quanto vogliono che tu pensi”.

Dunque come si contrastano tale convinzioni pericolose e profondamente radicate? Lindenberger suggerisce di abbassare l’età della vaccinazione e la deputata Fahy l’ha ascoltato: ella cita la sua vicenda come spinta per la legge. Nello stato di New York, che non consente esenzioni filosofiche, la Fahy e i suoi compagni legislatori sperano che informare gli adolescenti e dar loro potere aiuti lo stato a fare un passo avanti verso il recupero dell’immunità collettiva di cui disponevano un tempo tante comunità.

Se la proposta diventerà legge, New York non sarà certo il primo stato a permettere che i minori scelgano di vaccinarsi senza il consenso dei genitori.  Si spera che non sarà nemmeno l’ultimo.   

Da Znetitaly – Lo spirito della resistenza è vivo

www.znetitaly.org

Fonte: https://zcomm.org/znetarticle/teens-offered-path-to-vaccination-vs-anti-vax-parents/

Originale: Daily Kos

traduzione di Giuseppe Volpe

Traduzione © 2019 ZNET Italy – Licenza Creative Commons CC BY-NC-SA 3.

 

 

Comments

comments

Powered by Facebook Comments

Precedente Propaganda antisemita distribuita nel parlamento polacco e caccia alle streghe del governo contro storici dell’Olocausto Successivo Gigantesche domande sul futuro della UE celate in oscure decisioni di politica bancaria