Etichettare come “scudi umani” i migranti ha una motivazione precisa

Print Friendly

Etichettare come “scudi umani” i migranti ha una motivazione precisa

Di  Neve Gordon e Nicola Perugini

21 novembre 2018

La ” carovana migrante ” sta avanzando verso il confine degli Stati Uniti – e sta affrontando innumerevoli ostacoli e molta opposizione lungo la strada.  Di recente, sono scoppiate delle proteste quando un grande gruppo di migranti ha raggiunto la città di Tijuana, al confine con il Messico. Non sorprende che Donald Trump si sia affrettato a unirsi al clamore, accusandoli di causare “criminalità e grossi problemi in Messico”:

Il sindaco di Tijuana, in Messico, ha appena  dichiarato che “la città non è preparata a gestire questo numero di migranti, la fila  potrebbe durare 6 mesi”. Allo stesso modo, gli Stati Uniti non sono preparati a questa invasione e non la consentiranno. Stanno causando criminalità e grandi problemi in Messico. Andate a casa!

Gli uomini, donne e bambini che fanno parte della carovana, viaggiano in un  grosso gruppo perché in passato individui e piccoli gruppi che scappavano dall’America Centrale per sfuggire alla violenza politica o per trovare una vita migliore, sono stati rapiti dai trafficanti e dalle bande di spacciatori. Viaggiare in massa offre loro un certo grado di protezione.

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha a lungo criticato i migranti. In primo luogo li ha caratterizzati come “invasori”, che davano rifugio, tra le loro fila,  a “sconosciuti mediorientali”. Più tardi, Trump ha ammesso che questo tentativo sottilmente velato di ritrarre i migranti come terroristi non era basato su alcuna “prova”, ma ha comunque continuato a calmare il pubblico dichiarando che l’esercito americano avrebbe aspettato la carovana al confine con il Messico. Mentre inizialmente ha annunciato che avrebbe inviato fino a 5.200 soldati, in seguito ha aumentato questo numero a probabili 15.000 soldati.

Il Segretario di Stato Michael Pompeo ha seguito questa moda, avvertendo gli Americani che i migranti “mettono le donne e i bambini all’inizio di questa carovana

per usarli come scudi mentre procedono lungo la strada”.

Come a volere aggiungere credibilità a questa affermazione, il Dipartimento della Sicurezza Nazionale (DHS) ha poi pubblicato una scheda informativa dove si afferma che tra i manifestanti vi sono centinaia di individui che hanno “storie criminali”, e dove si aggiunge che, in America Centrale, hanno messo “donne” e i bambini all’inizio della carovana per fare da scudi umani mentre la carovana si spinge contro le forze militari [guatemalteche] “.

Una vecchia storia

È interessante notare che il presidente, il segretario di stato e il DHS non hanno preso queste dichiarazioni dal nulla. Stanno semplicemente ripetendo le affermazioni fatte in un rapporto del 2014 pubblicato dall’organizzazione statunitense di destra denominata Tea Party.

Il rapporto descriveva lo spostamento dei migranti come “un’offensiva in cui i confini meridionali dell’America vengono invasi”, aggiungendo: “Questa offensiva è un’invasione, non guidata da truppe, ma da divisioni di madri, bambini e giovani adulti in marcia verso nord dall’ America Centrale e dal Messico”. Continuava:

Le donne e i bambini civili sono direttamente fatti entrare camminando  nella nazione obiettivo, in modo che le posizioni di insediamento permanente possano essere garantite per altri insorti che avanzano. In effetti, i civili diventano scudi umani politici per gli insorti che arrivano dietro di loro, che fanno parte di un’offensiva molto più grande (e più pericolosa).

L’uso del vocabolario militare – “invasione”, “divisione”, “insurrezione”, “offensiva” e “scudi umani” – per descrivere questi migranti è, ovviamente, calcolato. Mira a preparare il terreno per il modo in cui saranno trattati una volta che abbiano raggiunto il ​​confine degli Stati Uniti.

Considerate l’espressione “scudi umani”. Secondo la legge internazionale , gli scudi umani sono civili o prigionieri di guerra i cui corpi sono schierati per proteggere illegalmente un bersaglio militare legittimo. Che lo facciano volontariamente o siano obbligati a farlo, la legge afferma che non possono “rendere immune un’area dall’attacco”.

Di conseguenza, gli scudi volontari che muoiono durante un attacco, sono responsabili della loro morte perché si sono messi in pericolo. Analogamente, quando gli scudi involontari muoiono, sono da incolpare coloro che li hanno impiegati, piuttosto che coloro che li hanno uccisi. Nei conflitti armati, quando i civili vengono usati come scudi dai militari dello stato,  questi perdono o rischiano di perdere le protezioni conferite loro dalla legge internazionale.

Obiettivi legittimi

Usando tale linguaggio, Pompeo e il DHS possono potenzialmente ottenere due cose. Innanzitutto,  descrivono la carovana migrante come un nemico che è disposto a schierare scudi umani – un obiettivo legittimo per l’azione militare piuttosto che un gruppo di individui innocenti e vulnerabili. Secondo, suggeriscono che se questi “scudi umani” migranti muoiono, sono quelli che li usano come scudi – piuttosto che le autorità statunitensi – che devono essere ritenuti responsabili.

Pompeo e il DHS non sono i soli nel loro tentativo di inquadrare i migranti come legittimi obiettivi militari. L’Ungheria e la Repubblica Ceca hanno anche classificato i bambini migranti come “scudi umani”, sostenendo che i loro genitori li stanno usando per facilitare i loro sforzi per entrare in Europa.

In maniera significativa, l’uso di “scudi umani” è anche un qualcosa che viene proiettato quasi esclusivamente su migranti non-bianchi, un altro tentativo di rappresentarli come gente “barbara” che non riescono a comprendere e a rispettare le norme civili della legge internazionale.

Proprio come i ribelli in Siria , gli Houthi nello Yemen e i manifestanti palestinesi a Gaza, i migranti sono ora ampiamente rappresentati come persone che violano deliberatamente la distinzione tra combattenti e non combattenti, presumibilmente

proteggendosi dietro “donne e bambini” al fine di ottenere un vantaggio contro forze armate statali. Di conseguenza, tali migranti sono raffigurati come autori di un crimine di guerra – anche se non stanno conducendo una lotta armata e, in molti casi, stanno semplicemente cercando di sfuggire a una.

E così, tentando di migliorare la propria vita per se stessi, i migranti vengono trasformati in obiettivi militari, persone che possono essere legittimamente ferite o uccise. Mentre la carovana migrante si fa strada verso nord, ed è ulteriormente demonizzata per tale azione, il mondo dovrebbe riflettere su questo e su come uno dei pilastri del diritto internazionale – la categoria dei civili – viene eroso.

Nella foto: una visione dall’alto mostra dei migranti Honduregni che lasciano Arriaga lungo il percorso verso San Pedro Tapanatepec, nel  Messico,  meridionale, il 27 ottobre.

Da: Z Net – Lo spirito della resistenza è vivo

www.znetitaly.org

Fonte: https://zcomm.org/znetarticle/branding-migrants-human-shields-has-a-deadly-motive/

Originale: The Conversation

Traduzione di Maria Chiara Starace

Traduzione © 2018 ZNET Italy – Licenza Creative Commons  CC BY NC-SA 3.0

Comments

comments

Powered by Facebook Comments

Precedente Il cessate il fuoco di Netanyahu intende mantenere imprigionata Gaza Successivo L’azione per il cambiamento del clima ucciderebbe l’imperialismo