Trump sta sviluppando un complesso morboso e anormale nei confronti di Obama

Print Friendly

Trump sta sviluppando un complesso  morboso e anormale nei confronti di  Obama

Di Juan Cole

5 marzo 2017

Donald Trump questo fine settimana è arrabbiato con il suo predecessore, l’ex presidente Barack Obama. Dice di aver scoperto (dalla scadente stampa digitale   ‘Breitbart’, sembra) che una corte istituita in base all’Atto sulla sorveglianza e sull’intelligence straniera –FISA – Foreign Intelligence Surveillance Act, abbia ordinato un’intercettazione della Trump Tower  nell’autunno del 2016 e che è continuata anche se gli investigatori non hanno mai trovato niente. Ha detto che Obama aveva ordinato l’intercettazione,  che questo era vergognoso e che era una forma di maccartismo. (E’ bene sapere  che perfino i miliardari di estrema destra, fautori della supremazia bianchi possono essere d’accordo che la persecuzione da parte di Joseph McCarthy  della Sinistra americana negli anni ’50 era stata sbagliata).

Trump sta sviluppando un complesso  morboso   e anormale nei confronti di  Obama. In precedenza ha incolpato l’ex presidente di organizzare proteste nei municipi contro i politici Repubblicani che cercano di abolire  la Legge per la sanità accessibile a tutti   (Obamacare) e di orchestrare imbarazzanti fughe di notizie dalla Casa Bianca di Trump.

Cioè, nella mente paranoica di Trump, Michael Flynn è stato costretto da Obama a dimettersi   dal Consiglio per la Sicurezza Nazionale,  che  lo diffamava come agente dei russi,  invece che per la discussione di sanzioni con l’ambasciatore russo, riguardo   alla quale aveva ripetutamente mentito. E il Piccolo  Marco Rubio non può avere un municipio in Florida sulla legge per l’assistenza sanitaria a causa di.. avete indovinato, di Obama curioso, curioso.

Sono francamente preoccupato per Obama. Trump ha moltissimi fautori della supremazia dei  bianchi,  e neo-nazisti, e se il presidente accusa ripetutamente Obama di cercare di farlo cadere,  potrebbe creare un pericolo estremo per l’ex presidente.

A proposito, la paranoia è un sintomo, non proprio la malattia. Potrebbe indicare la depressione clinica o una moltitudine di altri disordini (sarebbe brutto per un presidente in carica avere uno di questi).

In quanto al caso attuale,  come al solito Trump si sbagliava su quasi tutto. Obama  non potrebbe avere ordinato un’intercettazione facendo tutto da solo.  Il presidente non ha quella autorità, proprio per impedire  l’abuso di potere nel suo  incarico. Inoltre, un ex portavoce per il Consiglio per la Sicurezza Nazionale, Ben Rhodes, ha negato categoricamente che la Casa Bianca aveva chiesto delle intercettazioni telefoniche  per Trump o e la sua campagna elettorale. D’altra parte, ha definito la reticenza di Obama come un voler evitare l’interferenza in un Dipartimento di Giustizia o in altre indagini, cosicché ci potrebbe essere stata una tale  indagine, ma non era stato Obama a farla.

Loretta Lynch al dipartimento di giustizia o James Comey all’FBI sarebbero potuti andare al tribunale FISA e avere chiesto un mandato per monitorare Trump e i suoi collaboratori. Anche l’Agenzia per la Sicurezza Nazionale avrebbe potuto cercare un mandato di quel tipo.

Ma la corte  FISA non avrebbe garantito un mandato a meno che, chiunque lo chiedesse, fosse in grado di presentare valide prove che Trump era a) coinvolto in qualcosa di illegale o b) stava operando come gente segreto.

E’ anche possibile che Trump e/o i suoi chiamassero qualcuno che era sotto sorveglianza in base a un mandato della FISA nel qual  caso anche le loro telefonate sarebbero state controllate.

Quello che lascia perplessi tutti è il motivo per cui Trump pensa che deve avere questa informazione da Rush Limbaugh o da un abietto giornale neo-nazista  alternativo. Lui è il presidente. Potrebbe proprio chiedere un ragguaglio sull’indagine, se c’è ne è stata una.

Da: Z Net – Lo spirito della resistenza è vivo

www.znetitaly.org

Fonte:http://www.truthdig.com/report/item/trump_is_developing_an_unhealthy_and_abnormal_complex_about_obama_20170305

Originale : Informed Comment

Traduzione di Maria Chiara Starace

Traduzione © 2017 ZNET Italy – Licenza Creative Commons  CC BY NC-SA 3.0

Trump-Obama

Comments

comments

Powered by Facebook Comments

Precedente Rendere di nuovo mediocre l’America Successivo Turchia e Siria: sangue, lacrime e muri

One thought on “Trump sta sviluppando un complesso morboso e anormale nei confronti di Obama

  1. attilio cotroneo il said:

    Gli statunitensi dovrebbero assumere subito uno staff di italiani esperti di “degenerazione e tattiche di distrazione berlusconiana” per cercare di non fare errori e per capire come l’Italia sia diventata un paese con una corruzione endemica accettata essendo prima una colonia geopolitica corrotta utile durante la Guerra Fredda

I commenti sono chiusi.