Come funziona realmente il neoliberalismo: un piccolo aneddoto

Redazione 28 febbraio 2016 1
Print Friendly

Come funziona realmente il neoliberalismo: un piccolo aneddoto

Di Richard Falk

28 febbraio 2016

Insieme a parecchi milioni di persone, soffro  di una malattia agli occhi nota come glaucoma. Può essere  tenuta sotto controllo  piuttosto che curata, mettendo delle gocce per occhi varie volte al giorno. In base al consiglio del mio medico, faccio affidamento  sull’Azopt  e sul Lumigen, due medicine prodotte da importanti case farmaceutiche.

Una settimana fa, prima di un viaggio internazionale, mi fermai in una farmacia locale per farmi dare una nuova ricetta per l’Azopt (prodotto dalla ditta del Texas, Alcon che fabbrica 86 farmaci) perché temevo che la mia scorta si sarebbe esaurita durante il viaggio. Il giorno dopo la farmacista mi chiamò per dirmi che la mia assicurazione avrebbe coperto la “ricarica” soltanto  a metà marzo quando, secondo     le loro annotazioni, avrei dovuto finire la scorta che avevo e avrei avuto il diritto di averne  ad altra. La farmacista aggiunse che per i 15 ml. di Azopt senza assicurazione, avrei dovuto pagare 445 dollari, che è il doppio di quello che costerebbe dopo che l’assicurazione avrebbe contribuito.   La ringrazia per avermi dato questa brutta notizia e le dissi che avrei aspettato fino al mese prossimo.

Naturalmente ero  agitato dato che  dipendo realmente da quella medicina. Il mio oculista mi ricorda ogni volta che mi visita che se non sono diligente riguardo alla dose quotidiana di gocce, rischio la cecità, ma pagare quella somma di denaro sembrava una cosa esorbitante e, inoltre, ero diretto in paesi dove questi farmaci si potevano ottenere più a buon mercato senza neanche bisogno della prescrizione. Gli Stati Uniti non pongono alcun limite ai prezzi delle medicine e le case farmaceutiche senza scrupoli fanno pagare qualunque cosa credono che il mercato sosterrà.

Ma dovevo avere una grossa sorpresa. Nel piccolo paese di Bellagio mi fermai alla prima farmacia che trovai, e chiese nervosamente se avevano disponibile  l’Azopt.    Come previsto, comparve una boccetta da 20 ml.  e ne chiesi una seconda.

Il prezzo totale per 20 ml. era di 21 euro, cioè 35 volte più economico di quello che in California mi avevano detto che dovevo pagare! Non era neanche la “versione “generica”, ma la davano nella boccetta.

Non ho una spiegazione precisa da dare per questa eccezionale differenza di prezzo. Sembra che rifletta i meccanismi del libero mercato operativo negli Stati Uniti, congiunto alla natura  non flessibile della richiesta, probabilmente dovuta all’assenza di alternative sul mercato americano.

Per me questa esperienza  è stata inquietante, ma non disastrosa. Sono potuto andare dove le medicine erano disponibili a un prezzo economico, o, se necessario, posso pagare i prezzi che vengono pretesi sul mercato americano. Quello che mi affliggeva era il pensiero che tutte le persone che hanno bisogno di questa medicina e che non vanno in viaggio in altri paesi e che mancano del denaro per coprire i pagamenti, venivano messe in una situazione intollerabile.

Ci sono, naturalmente, due tipi di problemi collegati. Il primo è il divario tra i prezzi delle medicine sul mercato americano e i prezzi in altri posti, e il secondo è quello dei prezzi delle medicine oltraggiosamente alti sul mercato americano dove l’Azopt, anche se coperto dall’assicurazione, costerebbe ancora 223 dollari al flacone di 15 ml. che basta per due mesi.

Che cosa si dovrebbe fare? Rendere idoneo all’elezione Bernie Sanders ? Cercare una rivoluzione sociale? Questo richiede un rimedio globale, sostituendo il neoliberalismo con la ‘democrazia sociale’?

Certamente qualchecosa andrebbe fatta!

Da: Z Net – Lo spirito della resistenza è vivo

www.znetitaly.org

Fonte: http://zcomm.org/znet/article/how-neoliberalism-really-works

Originale: Richardfalk.com

Traduzione di Maria Chiara Starace

Traduzione © 2016 ZNET Italy – Licenza Creative Commons  CC BY NC-SA 3.0

 

 

16687016354_ca450d18ec_z_large

Comments

comments

Powered by Facebook Comments

1 Commento »

  1. Francesco 29 febbraio 2016 alle 01:15 -

    I prezzi dei farmaci negli USA sono molto piu’ alti che in qualsiasi altro paese del mondo perche’ i prezzi non possono essere sottoposti a nessun controllo. I prezzi sono aumentati molto di piu’ dopo Obamacare, la riforma del sistema sanitario. Le ditte farmaceutiche hanno aumentato esponenzialmente i prezzi dei farmaci e hanno smesso completamente di produrre e distribuirne altri come la tetraciclina, un antibiotico di poco prezzo e presente sul mercato da decenni. Le assicurazioni pagano gli stessi farmaci a prezzi molto ridotti. Quindi, se sei assicurato puoi avere alcuni farmaci, quelli coperti dall’assicurazione, pagando solo il “ticket” ma se non sei assicurato allora devi solo augurarti di non ammalarti. Ultimamente e’ stato introdotto sul mercato un farmaco per il melanoma maligno che puo’ o no ritardare il decesso da 6 mesi a 2 anni. Il costo di 4 dosi del farmaco e’ di 400.000 dollari USA. Viva il neoliberismo!

Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers: