Il tormento di Gaza, i crimini d’Israele, le nostre responsabilità

Redazione 12 luglio 2014 1
Share:
Condividi
Print Friendly

 

Jihad Mashrawi, palestinese di Gaza, regge il corpo del figlio di 11 mesi ucciso da un proiettile di un carro armato che ha distrutto la sua casa.

Jihad Mashrawi, palestinese di Gaza, regge il corpo del figlio di 11 mesi ucciso da un proiettile di un carro armato che ha distrutto la sua casa.

 

di Noam Chomsky – 12 luglio 2014

Alle tre del mattino, ora di Gaza, nel mezzo del più recente esercizio di ferocia da parte di Israele, ho ricevuto una telefonata da un giovane giornalista palestinese di Gaza. Sullo sfondo potevo sentir piangere suo figlio nato da poco, in mezzo al rumore delle esplosioni e dei caccia che prendono di mira qualsiasi civile si muova, e anche le case. Aveva appena visto saltare in aria un suo amico in un’auto chiaramente contrassegnata “stampa”. E aveva udito urla dalla casa accanto dopo un’esplosione ma non poteva uscire altrimenti sarebbe diventato un probabile bersaglio. Il suo è un quartiere tranquillo, non ci sono obiettivi militari, salvo palestinesi che sono caccia libera per la macchina militare israeliana ad alta tecnologia fornita dagli USA. Ha detto che è stato distrutto il 70% delle ambulanze e che a quel punto gli uccisi erano più di 70 e dei 300 feriti, o giù di lì, i due terzi erano donne e bambini. Sono stati colpiti pochi attivisti di Hamas o loro siti di lancio dei missili. Soltanto le solite vittime.

E’ importante capire come si vive a Gaza quando il comportamento di Israele è “moderato”, nel mezzo di crisi regolarmente fabbricate come questa. Un quadro affidabile è offerto da un rapporto all’UNRWA di Mads Gilbert, il coraggioso ed esperto medico norvegese che ha lavorato estesamente a Gaza, anche durante l’intera operazione malvagia e assassina Piombo Fuso. Limitandoci soltanto ai bambini, Gilbert riferisce: “I bambini palestinesi di Gaza soffrono immensamente. Una vasta percentuale è affetta da un regime di malnutrizione prodotto dall’uomo, causato dal blocco imposto dagli israeliani. La diffusione dell’anemia nei bambini sotto i due anni a Gaza è al 72,8%, mentre la diffusione del deperimento, di problemi di sviluppo e del peso inferiore alla norma è, rispettivamente del 34,3%, 31,4% e 31,45%.” E si va di male in peggio con il procedere del rapporto.

Quando Israele “si comporta bene”, ogni settimana sono uccisi due bambini palestinesi, uno schema che va avanti da più di 14 anni. La causa sottostante è la criminale occupazione e i programmi di riduzione della vita palestinese alla mera sopravvivenza a Gaza, mentre i palestinesi sono confinati in angoli invivibili della West Bank e Israele si prende quel che vuole, il tutto in grossolana violazione della legge internazionale e di esplicite risoluzioni del Consiglio di Sicurezza, per non parlare di una minima decenza. E continuerà fino a quando è appoggiato da Washington e tollerato dall’Europa, a nostra sempiterna vergogna.

Da Z Net – Lo spirito della resistenza è vivo

www.znetitaly.org

Fonte: http://zcomm.org/zcommentary/gazas-torment-israels-crimes-our-responsibilities/

traduzione di Giuseppe Volpe

Traduzione © 2014 ZNET Italy – Licenza Creative Commons CC BY-NC-SA 3.0

 

Comments

comments

Powered by Facebook Comments

1 Commento »

  1. attilio cotroneo 12 luglio 2014 alle 21:15 - Reply

    Ogni nostra parola in difesa del popolo palestinese é una parola di avvicinamento al popolo israeliano, affinché questa carneficina non diventi per Israele un giorno, l’onta della tradizione storica di tutto il popolo ebraico.

Lascia un commento »

*
Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers: